News Preci

Preci

Preci

HomepagePreci_agriturismoUmbriaPreci_eventiValnerinaPreci_informazioniPreci
Preci_offerte

italiano : english : deutsch : español : japanese

Preci e l'Abbazia di Sant'Eutizio
La città di Preci sorge ad un’altitudine di circa 600 metri, sulla sponda sinistra del Campiano, un affluente del fiume Nera. Le origini del centro urbano vanno fatte risalire alla vicinanza con i locali centri di preghiera, alcuni oratori che popolavano la zona. Il primo castello venne eretto nel 1276, periodo nel quale entrò nell’orbita del Comune di Norcia.

Nei dintorni di Preci, nella valle Castoriana, si trova l’abbazia di Sant’Eutizio, una delle più belle e antiche dell’Umbria. Secondo la tradizione venne fondata già nel V secolo dal monaco siriano Eutizio, svolgendo fin dalle origini un’importante azione non solo nel campo religioso, ma anche in quello civile, bonificando ampi tratti delle campagne circostanti.

Il monastero vero e proprio venne fondato dai monaci benedettini, intorno al X secolo, erigendo il complesso sopra le tombe degli eremiti siriani. Ben presto divenne un centro di potere notevole, sia dal punto di vista economico, sia politico, con un vastissimo patrimonio fondiario.

Il periodo di massimo fulgore dell’abbazia si registra fra il X e il XV secolo. Anche la costruzione della splendida chiesa romanica è da ascrivere a tale periodo, edificata intorno all’anno 1190, mentre l’intero complesso è stato edificato in un arco di tempo che va dal X-XI secolo fino al XIV. Solo il campanile è opera molto posteriore, realizzato nel XVII secolo dall’architetto pontificio Crescenzi.

Fra le molte attività nelle quali eccellevano i monaci che risiedevano nell’abbazia, spicca la scuola di paleografia e di miniatura, il cui frutto è un corpus di una sessantina di codici miniati, i “Codici Eutiziani”, conservati nella biblioteca Vallicelliana di Roma.

La “Formula di Confessione” di Sant’Eutizio
Legato alle vicende dell’abbazia di Sant’Eutizio è la storia di un importante documento letterario, una formula di confessione redatta da un monaco benedettino, il quale tradusse in volgare italiano un testo ricalcandolo fedelmente dal latino. E’ uno dei più antichi testi in volgare italiano conosciuti, definito dai linguisti “italiano mediano”.

Un passo della “formula” recita:

Me accuso de la decema ed de la primitia et de offertione, ke uno dei si ccomo far dibbi

La caratteristica principale è la presenza di elementi che non sono caratteristici della lingua toscana, ma che non riguardano esclusivamente alcun dialetto umbro.

E’ databile intorno ad un periodo posteriore al 1095, ma anteriore al Cantico di San Francesco.
Appunti di viaggio
La Scuola Chirurgica di Preci - A partire dal 1200 si sviluppò a Preci in particolare, ma in modo diffuso in tutto il territorio circostante, una fiorente attività medico-chirurgica, la quale diede no... Preci_enogastronomia
I testi e le immagini presenti in questa pagina, ed in quelle ad essa collegate, sono protette da copyright:
ne è pertanto assolutamente vietata la riproduzione (anche parziale).
  • Preci_news
  • Preci_lastminute
  • Preci_itinerari

Preci_country_house english version deutsch version version espanola 日本語版