News Panicale

Panicale

Panicale

HomepagePanicale_agriturismoUmbriaPanicale_eventiLago TrasimenoPanicale_informazioniPanicale
Panicale_offerte

italiano : english : deutsch : español : japanese

Un Perugino a Panicale. Anzi, due
Due meravigliosi dipinti del ''divin pittore'', tra i quali spicca il ''Martirio di San Sebastiano'', vero e proprio capolavoro dell'arte rinascimentale

Varrebbe la pena di fermarsi a Panicale sapendo che vi si può trovare un affresco del Perugino. Figurarsi per due. Pietro Vannucci ha lasciato il segno del suo passaggio, regalando alla città di Panicale due dipinti che fanno risaltare tutto il suo genio. Di rara grazia e bellezza è l'affresco del Perugino conservato nella Chiesa di San Sebastiano, raffigurante il martirio del santo trafitto dalle frecce di quattro arcieri. Molto complessa, ma allo stesso tempo ariosa è la disposizione spaziale degli elementi. Gli arcieri che dal basso colpiscono il corpo del santo sembrano muoversi in modo armonioso, conferendo al martirio un carattere del tutto astratto e per nulla passionale. I committenti intesero realizzare un'opera che tenesse lontano dalla città lo spettro della peste essendo ritenuto San Sebastiano una potentissima difesa contro il morbo ed ogni sorta di epidemia in generale. L'affresco è stato dipinto dal Perugino nel 1505 e reca la sua firma nella parte centrale del piedistallo, sopra il quale San Sebastiano è posto e riceve le frecce.

Un secondo affresco del Perugino è conservato nella chiesa che ospita il ''Martirio di San Sebastiano'', l'''Incoronazione di Maria'' del 1490.

Alla pittura del Perugino fa da sfondo un panorama unico e inimitabile, dove valli e colline si susseguono in una mirabile sequenza di curve e declivi dal carattere inconfondibile. In questo complesso ambientale di rara bellezza emerge Panicale e il suo borgo antico, un luogo immutato all'interno del quale nulla cambia e nulla si trasforma. Le leggi del tempo sembrano non avere potere su edifici storici e monumenti cittadini, arroccati in pendio attorno alla piazza principale, punto di ritrovo oggi, proprio come un tempo. La natura particolare del suo disegno urbanistico le conferisce un fascino indiscusso, mentre le ardite soluzioni architettoniche si sono integrate a meraviglia con la natura scoscesa del territorio. Piazze, strade, case e palazzi sembrano adagiate sulla collina seguendone il profilo, adattandosi ad ogni genere di asperità e rilievo, donando alla città una fisionomia molto personale. Sulla sommità del borgo si apre una piccola piazza dalla quale è possibile godere l'ampio panorama che si estende lungo tutta la vallata sottostante, regalando uno scorcio dalla bellezza incomparabile. Panicale è il luogo adatto per chi cerca pace e serenità in un paesaggio integro e originario celebrato in modo sublime negli sfondi degli affreschi del Perugino.
I testi e le immagini presenti in questa pagina, ed in quelle ad essa collegate, sono protette da copyright:
ne è pertanto assolutamente vietata la riproduzione (anche parziale).
  • Panicale_news
  • Panicale_lastminute
  • Panicale_itinerari

Panicale_cultura english version deutsch version version espanola 日本語版